Promozione online, il grande problema. Soluzioni, consigli ed esempi per i proprietari di siti web 2022

Promozione online, il grande problema

Nel mio lavoro quotidiano, vedo spesso lo stesso problema con molti clienti, proprietari di siti web: “Promozione online“.

Alcuni non lo capiscono, altri non vogliono o non possono permettersi di spendere i soldi, o forse non si rendono conto che creare un sito web è solo il primo passo.

 

Non basta fare un sito web su Internet. Proprio come il tuo sito web, ci sono milioni di altri siti web seduti e in attesa di visitatori. E gli anni passano, e sono lenti a presentarsi.

 

Forse non te ne sei reso conto, ma c’è una concorrenza feroce su Internet. Ogni giorno appaiono quasi 250.000 nuovi siti.

Attualmente ci sono 370 milioni di domini registrati. Anche se ogni dominio rappresentasse un solo sito, ce ne sarebbero comunque molti. Ma poiché diversi sottodomini possono essere aggiunti a un dominio, il numero reale di siti è superiore a 1,7 miliardi.

E tra tutti questi miliardi di siti, solo i siti che pubblicano costantemente contenuti interessanti e utili per i visitatori e i siti che beneficiano di promozione rendono il traffico degno di considerazione.

 

Senza promozione il sito praticamente non esiste, non viene trovato da potenziali lettori o clienti. Sì, appare nelle ricerche di Google, ma nella pagina “xx” della visualizzazione dei risultati, che i visitatori raggiungono raramente.

 

Naturalmente hai paura di spendere soldi per la promozione, non sapendo se il profitto risultante supererà la spesa.
Quale tipo di promozione del sito web è meglio scegliere per iniziare? Qual è il più efficace?
Essendo un principiante, non hai modo di conoscere le risposte a queste domande. E naturalmente farete delle scelte sbagliate. Ma gli errori sono quelle cose senza le quali non si può progredire. Quindi, qualunque siano le vostre riserve, la cosa migliore da fare è iniziare.

 

Se hai fatto un sito web, il secondo passo è quello di promuoverlo.

 

I proprietari di siti web dovrebbero saperlo:

1. Non si può far crescere significativamente un business senza promozione.
Senza promozione resterai a lungo e bene nel semi-anonimato. Avrai tra i 10 e i 50 visitatori al giorno, e una gran parte di loro sono in realtà i bot dei motori di ricerca che scansionano il tuo sito;

2. Costi di promozione.

3. La promozione è multicanale. Non scegliere un solo canale perché non otterrai risultati spettacolari.

4. La promozione deve essere fatta continuamente. Se ti fermi ti ritrovi al punto di partenza.

5. Senza promozione sarete delusi dai benefici del sito web e probabilmente ad un certo punto considererete il sito web “no business”.
In realtà è un buon affare, se lo fai bene.

Un certo numero di proprietari di siti web che si rendono conto di aver bisogno di promozione si avvicinano nel modo sbagliato e i risultati sono solo soddisfacenti e il denaro non viene speso efficacemente.

Cosa fanno alcuni proprietari di siti web?
Passo 1. Completano la costruzione del sito web. Sfortunatamente, la maggior parte si ferma qui.
Passo 2. Una piccola parte di loro decide di promuoverlo.

Come promuoveranno il sito?
Dal loro punto di vista, la risposta è ovvia: su Facebook e Instagram.

Tutti sono sui social media, quindi dove altro? E sì, la risposta è parzialmente corretta. La presenza sui social media è quasi obbligatoria.

Una rapida ricerca su Internet o le raccomandazioni di amici e conoscenti troveranno rapidamente dei freelance o delle agenzie che si occupano di promozione sui social media.

Con quali criteri sceglieranno il freelance o l’agenzia di marketing?
Beh, da quanto sono seri, dal prezzo e naturalmente da quanto sono scritti bene gli articoli e quanto sono belle le immagini nei post di Facebook e Instagram.

Faccio un contratto, dove l’agenzia si impegna a fare X post a settimana su Facebook e Instagram con un budget di circa 200 – 400 €/mese più la pubblicità pagata. E questo è tutto, a circa €300 – €500/mese hanno risolto il problema.

Nel frattempo appaiono le statistiche sulla promozione dei post e i risultati sono Woooow.
I proprietari ora vedono dalle statistiche che i loro post hanno raggiunto le pagine di oltre 5.000 utenti di Facebook. 5.000 persone sanno già di te, dei tuoi prodotti o servizi.
Non si può fare a meno di sentirsi orgogliosi di questo risultato. E il numero di seguaci è in costante crescita. Sembra che tu abbia preso la decisione giusta e che tu sia sulla strada giusta.

 

Hai fatto bene a cominciare a promuovere la tua attività. Ora è il momento di chiederti se puoi fare meglio di così e quanto è efficace la promozione online che stai facendo?

 

Continuo a dire ai miei clienti che una promozione su Facebook fatta male è come lanciare volantini da un aeroplano. Molti li vedono, pochi si chinano per raccoglierli e pochi prendono il telefono per chiamare il numero sul volantino.

Quando decidi di promuovere il tuo sito web dovresti stabilire le seguenti cose:

 

1. Chi sono i tuoi potenziali clienti?
Definite il più chiaramente possibile a chi vi rivolgerete con la vostra promozione. Nella prima fase, restringete il più possibile il vostro segmento di clienti in modo da potervi concentrare su quelli con il maggior potenziale.

2. Cosa volete ottenere esattamente con la promozione?
Vuoi aumentare la consapevolezza del marchio, vuoi aumentare la fiducia dei clienti nella qualità dei tuoi prodotti o servizi, vuoi aumentare le vendite, o vuoi tutto questo? La strategia di promozione differisce a seconda della scelta che si fa.

3. Qual è il vostro pubblico di riferimento?
Fissare un obiettivo chiaro. Per esempio: voglio aumentare le vendite del 15% rispetto al periodo precedente…

4. Come misurate i risultati?
Stabilisci un modo per misurare i risultati e confrontarli con le tue stime. Saprete allora se le azioni che intraprendete sono efficaci.

5. Fate un budget di marketing, comunque, anche se siete una piccola impresa con poche risorse finanziarie.
Decidete quanti soldi potete spendere annualmente per il marketing, dividete l’importo per 12 mesi, ma non in parti uguali. Alcuni mesi vale la pena investire di più in altri meno e penso che si possa capire perché.

6. Rendete chiaro all’agenzia di marketing cosa volete:
– Questo è il mio budget di marketing;
– Voglio aumentare le vendite del 15% entro …
– ecc.

7. Considera più canali di promozione online.
Ecco i tipi più importanti di promozione online che puoi usare:
a) SEO – Search Engine Optimization;
b) Google Pay per click advertising;
c) Email marketing (invio di email con contenuto pubblicitario);
d) Social media marketing (Facebook, LinkedIn, Instagram, Youtube, TikTok ecc.);
e) Content marketing (scrivere articoli di blog);
f) Podcasting (creazione di contenuti audio online distribuiti da piattaforme come Spotify, Google Podcasts, Apple Podcasts, ecc;)
g) Webinar;
f) Guide, e-book;
g) Concorsi.

8. Controlla come la tua strategia viene implementata dall’agenzia pubblicitaria.
Se sei fortunato e disposto a pagare per un servizio di qualità, troverai un’agenzia di marketing professionale. In caso contrario, si può finire per lavorare con persone meno preparate professionalmente.

Vi consiglio di prestare attenzione ai seguenti dettagli:

a) Chiedi all’agenzia di marketing con cui lavori di implementare e testare diversi tipi di promozione online.
Se ti dicono che “…per questi soldi non possiamo farlo e…” probabilmente hanno ragione. Ma in questo caso cerca di convincerli a lavorare con te sulla base di una percentuale delle vendite (se è possibile). Sono sicuro che alcuni accetteranno e sarà vantaggioso per entrambe le parti.

 

Non fare affidamento solo sui social media. Scegli di promuovere il tuo sito web su almeno 3 canali diversi.

 

Idealmente, dovresti ottimizzare il tuo sito da un punto di vista SEO, anche se i costi per questo potrebbero essere abbastanza alti. Usa questo modulo di calcolo per stimare il prezzo dell’ottimizzazione SEO di un sito web.

Provate il marketing delle newsletter.
Prova coraggiosamente Google Ads. Potresti uscirne meglio in termini di prezzo pagato per clic rispetto alla promozione su Facebook.

b) Controllate come pubblicate gli articoli su Facebook!
Ho notato che molte persone, anche alcune agenzie di marketing pubblicano articoli direttamente sulla loro pagina Facebook.
Questo è un grande errore, tempo, denaro e sforzi spesi in modo inefficiente. Se lo fai, il tuo sito web non beneficia del traffico creato sulla rete sociale di Facebook.

Se l’articolo che vuoi pubblicare è davvero molto breve, allora non c’è molto da fare e pubblicare il testo direttamente su Facebook ma mettere un link al tuo sito web, pagina del prodotto, pagina di servizio, pagina di presentazione, pagina di contatto, ecc.

Date un’occhiata a come lo fanno i più grandi blogger

Questi blogger scrivono l’articolo sul loro sito web, e su Facebook pubblicano semplicemente il link all’articolo insieme a una breve descrizione, costringendo così il lettore a visitare il loro sito.

Perché i blogger fanno questo? Perché hanno bisogno di traffico verso il loro sito. Più traffico avranno, più pubblicità venderanno.

 

Non lavorare e non spendere soldi solo per ottenere traffico su Facebook. Molto più importante è fare traffico per te stesso, quindi fai del tuo meglio per reindirizzare il traffico dai social media di prezzo (Facebook, Instagram, Twitter, Pinterest ecc) al tuo sito web.

 

c) Non farti impressionare dall’alto numero di visualizzazioni di un post su Facebook.
Per esempio, se un post è stato pubblicato sulle pagine di 5.000 utenti, non significa che tutti e 5.000 abbiano preso nota. La cosa più importante per voi è il numero di persone che hanno cliccato sul post e in questo modo hanno raggiunto per esempio la pagina del prodotto da acquistare o la pagina di contatto del sito web.

Vi consiglio di andare alla pagina delle statistiche di Facebook e fare un semplice calcolo: dividete il numero di clic su un post (la colonna “Impatto”) per il numero di visualizzazioni del post (la colonna “Interazioni”). Vedrai che per la maggior parte dei post, il numero di persone effettivamente interessate al “post” varia tra lo 0,5% e l’1,5%, cioè 25 – 75 persone su 5.000. Questo è molto basso.

Da questo si può concludere che i post sono inefficaci, e le ragioni possono essere:
– La maggior parte dei seguaci della tua pagina sono “riempitivi” e troppo pochi clienti potenziali;
– il palo non è stato progettato correttamente;
– il post è stato fatto al momento sbagliato;
– il post non è stato fatto nei giorni di maggiore audience;
– se il post era una “pubblicità pagata”, le impostazioni dell’annuncio non erano le più appropriate.
Un post su Facebook fatto correttamente potrebbe generare clic per il 4% – 6% degli utenti sulle cui pagine è stato visualizzato.

 

Controlla le statistiche dei post su Facebook e Instagram. Prova diverse varianti fino a quando non ottieni i risultati che vuoi.

 

d) Analizzare attentamente i testi dei post scritti dall’agenzia di marketing.
Supponiamo che tu abbia un negozio online e che venda decorazione d’interni, e che l’agenzia pubblichi foto dei prodotti e testi su Facebook, scrivendo della bellezza del prodotto, dei colori, di come starebbe bene nel tuo salotto, ecc…
Se lo scopo dei post è quello di aumentare la consapevolezza del marchio o informare i potenziali clienti, il testo è ok.
Se lo scopo della promozione è vendere il prodotto, il testo è insufficiente. Il tuo obiettivo è vendere, non solo vantarti su Facebook o Instagram. Per questo motivo, il testo dovrebbe contenere quel testo “Call to action” che porterà il potenziale cliente a cliccare sul post e andare al tuo negozio online, sulla pagina del prodotto.

Esempi di “Call to action“.

Se hai un negozio online:
– “Compra il prodotto ora…”;
– “Compra ora, paga dopo…”;
– “Con ogni ordine di … si ottiene un regalo …”;
– “Vedi i dettagli della nostra promozione …”
– “Vedi i dettagli del prodotto sulla nostra pagina …”
– “Approfittate della nostra campagna…”
– “Visitate i nostri negozi…”
– “Offerta limitata, ultimi xxxx prodotti …”.

Se vendi prodotti digitali online:
– “Prova …. gratuitamente”;
– “Prova gratis…”;
– “Download gratuito …”.

Per qualsiasi sito web che ha implementato un servizio di newsletter:
– “Registrati sul nostro sito web e …”;
– “Iscriviti alla nostra newsletter e scopri le ultime …”;
– “Unisciti alla comunità di ….”.

 

e) Chiedi alla tua agenzia di marketing un piano generale per promuovere il tuo sito web online.
Perché dovreste chiedere questo piano generale?
Perché ho incontrato freelance e agenzie di marketing che fanno solo promozione su Facebook e Instagram. Questo è tutto e nient’altro.
Il fatto che facciano solo questo tipo di promozione non è un male, e la promozione sui social media è utile e nella maggior parte dei casi dovrebbe essere fatta.

Prima di iniziare, sarebbe bene scoprire quali sono i tipi di promozione più efficaci per il tuo settore.

Per esempio, il modo più efficace di promozione, a lungo termine, per qualsiasi tipo di sito web è il SEO (search engine optimisation). Ma ci sono situazioni (non molte) in cui non puoi fare molto con il SEO e l’unico modo per promuovere i tuoi prodotti è la promozione a pagamento su Google (Google Ads).

Se commercializzi libri online, un buon modo di promuovere potrebbe essere il podcasting.

Se hai un sito web nel campo della psicologia, della psicoterapia, il blogging e i podcast potrebbero essere soluzioni di successo.

Se vuoi catturare l’attenzione del pubblico di un settore di nicchia, la promozione su Facebook e Instagram è quasi inutile e dovrai provare il marketing delle newsletter per esempio.

Se il tuo target è molto giovane, uno degli strumenti più utili disponibili è probabilmente TikTok.

In conclusione, non contare solo su Facebook e Instagram, anche se questo segmento ha il maggior numero di offerte e i migliori prezzi.

 
f) Scegliere un’agenzia che sappia usare e interpretare i dati analitici.
Perché?
Perché non basta fare solo promozione. Bisogna anche misurare i risultati. Vedi se stai andando nella giusta direzione e se raggiungerai il tuo obiettivo come previsto.
Ci sono molte persone nel marketing digitale che non hanno mai nemmeno sentito parlare di Google Analytics o di altri strumenti utili per misurare le prestazioni del sito web. O se ce l’hanno, non sanno come usarli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.